Sutor Special Club

Statuto

Art.1 E' costituita con sede in Montecosaro, Via Ascoli 6, l’Associazione Culturale “Sutor Special Club”. Essa è una libera Associazione di fatto, apartitica e apolitica, con durata illimitata nel tempo e senza scopo di lucro, regolata a norma del Titolo I, Cap. III, Art.36 del Codice Civile, nonchè del presente Statuto.


Art.2 L’Associazione Culturale Sutor Special Club persegue i seguenti scopi:
* diffondere la cultura della disciplina sportiva della pallacanestro in stretto collegamento con le attività della società sportiva S.S. Sutor di Montegranaro e vivendo in stretto rapporto di amicizia con squadra e società, condividendone le vicende sportive e non;
* ampliare la conoscenza della cultura sportiva in genere, attraverso contatti fra persone, enti e associazioni;
* allargare gli orizzonti di tutti coloro che orbitano nella sfera della società sportiva Sutor affinchè sappiano trasmettere l’amore per la cultura sportiva in generale e per la società sportiva Sutor in particolare;
* proporsi come luogo d’incontro e di aggregazione nel nome di interessi culturali assolvendo alla funzione sociale di maturazione e crescita umana e civile, attraverso l’ideale dello sviluppo della cultura sportiva della pallacanestro nell’ambito del territorio locale e nazionale;
In particolare l’Associazione Culturale perseguirà i propri scopi sociali tenendo in considerazioni i seguenti principi:
COMPETIVITA': supporto all’attività della prima squadra, agevolandone il potenziamento, la programmazione, gli strumenti per lo staff tecnico.
VALORI EDUCATIVI: favorire e consolidare il ruolo educativo del settore giovanile e dei suoi progetti correlati.
SPIRITO DI GRUPPO: costruire una community di sostenitori ancora più forte, attraverso un processo di fidelizzazione che non sia strettamente legato a un risultato sportivo, bensì al desiderio di far parte di un Club davvero Speciale.
MOTTO DELL’ASSOCIAZIONE : “Amor, Voluntas, Fides”.


Art.3 L’Associazione Culturale “Sutor Special Club” per il raggiungimento dei suoi fini, intende promuovere varie attività, in particolare:
* attività culturali: organizzazione e gestione di eventi sportivi, convegni, conferenze, dibattiti, seminari, viaggi e trasferte, partecipazione a manifestazioni del settore sportivo ed altre iniziative simili finalizzate alla divulgazione degli scopi sociali dell’Associazione;
* attività di formazione: corsi di aggiornamento e perfezionamento teorico/pratici per tecnici ed operatori del settore sportivo in genere;
* attività di organizzazione di stage, gruppi di lavoro, fiere, mostre, seminari e ricerche di ogni tipo;
* attività volta a promuovere, autonomamente o in collaborazione con privati cittadini, gruppi, enti pubblici e privati, iniziative di studio e di sperimentazione in materia di promozione della cultura sportiva in genere;
* attività volte all’istituzione di gruppi di studio e di ricerca nell’ambito del settore sociale e sportivo;
* attività editoriale: pubblicazione di un bollettino, pubblicazione di atti di convegni, di seminari, nonchè degli studi e delle ricerche compiute ivi compresa la possibilità di ideare ed editare marchi, pubblicazioni, prodotti audiovisivi, telematici e simili;
* attività di collaborazione con soggetti privati, enti pubblici, istituzioni e fondazioni stipulando, ove possibile, con gli stessi apposite convenzioni per la fornitura di servizi volti alla promozione delle “eccellenze” del territorio fermano ed allo sviluppo del turismo sociale;
* attività volte alla partecipazione e/o adesione a enti, altre associazioni ed organismi aventi scopi analoghi a quelli statutari, esistenti o da costituire;
* attività volte a sostenere l’organizzazione e la gestione della società Sportiva Sutor attraverso l’organizzazione di trasferte, la fornitura di servizi gestionali, la gestione di tecnici e staff, la gestione logistica, etc.
Tutte le attività‡ sopra descritte saranno svolte in diretto riferimento agli scopi sociali della Società Sportiva Sutor di Montegranaro, coordinate dalla stessa e finalizzate a supportare la società nel suo complesso.


Art.4 L’Associazione culturale “Sutor Special Club” è aperta a tutti coloro che, interessati alla realizzazione delle finalità istituzionali, ne condividono lo spirito e gli ideali. Coloro che condividono le finalità dell’Associazione Culturale “Sutor Special Club” possono diventare Soci e portare il proprio contributo, secondo disponibilità e capacità, alle scelte ed alle attività dell'Associazione.
Ogni Socio può partecipare alle attività dell'Associazione prestando la sua opera in qualit‡ di volontario. In ogni caso, per le sue attività di volontariato non avrà diritto ad alcun compenso.
Tutti i soci, ivi compresi gli Enti, le Associazioni, i Gruppi, le Fondazioni, le Amministrazioni hanno uguali diritti ed esprimono un solo voto.
Il Consiglio Direttivo all’inizio di ogni esercizio stabilisce la quota minima associativa e le eventuali diverse categorie di Soci e rispettive quote.
L'adesione all’Associazione è a tempo indeterminato, fatto salvo il diritto di recesso del Socio, che può esprimersi anche tramite il mancato versamento della quota associativa annuale. Il versamento non crea diritti di partecipazione trasmissibili a terzi, sia per atto tra vivi sia per successione a titolo particolare o a titolo universale.
Il diritto allo status di socio è personale e non è in alcun modo trasferibile a terzi e la quota o il contributo associativo non sono soggetti a rivalutazione.
Tutti i soci maggiorenni hanno diritto di voto per l’approvazione e le modificazioni dello Statuto e dei regolamenti e per la nomina degli organi direttivi dell’associazione. Il diritto di voto non può essere escluso, neppure in caso di partecipazione temporanea alla vita associativa.
Il Socio che tenga un comportamento in contrasto con il presente statuto ed i relativi regolamenti attuativi e con le finalit‡ dell’Associazione Culturale “Special Sutor Club” o che ne danneggi gravemente l'immagine può essere escluso dall'Associazione come meglio precisato nel successivo art.6.
L'esclusione è deliberata dal Consiglio Direttivo, su proposta del Collegio dei Probiviri secondo quanto indicato in apposito regolamento.
La qualità di Socio dell’Associazione Culturale “Sutor Special Club” si acquisisce all'atto del pagamento della quota annua minima associativa, nel rispetto degli importi e delle modalità fissati dal Consiglio Direttivo; il versamento della quota annuale conferisce la qualità di socio fino al termine dell'esercizio finanziario. La qualità di Socio cessa a seguito di recesso, che potrà manifestarsi per via scritta o attraverso il mancato versamento della quota associativa annuale, o a seguito di esclusione.
Nessun diritto, anche patrimoniale, compete al Socio receduto o escluso, come pure nessun diritto compete ai suoi successori in caso di morte.
L’Associazione si dota di tutti gli strumenti necessari per assicurare la cura, la tenuta e l'aggiornamento dell'elenco dei Soci, secondo quanto previsto dalle norme vigenti.


Art.5 L’ammissione dei soci ordinari è deliberata, su domanda scritta del richiedente, dal Consiglio Direttivo. Contro il rifiuto di ammissione è ammesso appello, entro trenta giorni, al Collegio dei Probiviri.


Art.6 Tutti i soci sono tenuti a rispettare le norme del presente statuto e dell’eventuale regolamento interno, secondo le deliberazioni assunte dagli organi preposti. In caso di comportamento difforme, che rechi pregiudizio agli scopi o al patrimonio dell’Associazione, il Consiglio Direttivo dovrà intervenire e applicare le seguenti sanzioni: richiamo, diffida, espulsione dalla Associazione.
I soci espulsi possono ricorrere per iscritto contro il provvedimento entro trenta giorni al Collegio dei Probiviri.


Art.7 Le risorse economiche dell’associazione sono costituite da:
* beni immobili e mobili;
* contributi;
* donazioni e lasciti;
* rimborsi;
* attività marginali di carattere commerciale e produttivo;
* ogni altro tipo di entrate.
I contributi degli aderenti sono costituiti dalle quote di associazione annuale, stabilite dal Consiglio Direttivo e da eventuali contributi straordinari stabiliti dallo stesso, che ne determina l’ammontare. Le elargizioni liberali in denaro, le donazioni ed i lasciti sono accettati dall’assemblea, che delibera sulla loro utilizzazione, in armonia con le finalità statutarie dell’organizzazione. I proventi derivanti da attività commerciali o produttive marginali sono inseriti in apposita voce del bilancio dell’organizzazione; l’assemblea delibera sull'utilizzazione dei proventi, che deve essere comunque in armonia con le finalità statutarie dell’organizzazione. E' vietato distribuire, anche in modo indiretto, utili o avanzi di gestione nonchè fondi, riserve o capitale durante la vita dell’Associazione, salvo che la destinazione o la distribuzione non siano imposte dalla legge.


Art.8 L’anno finanziario inizia il 1 luglio e termina il 30 giugno dell’anno successivo.
Al termine dell'esercizio, il Consiglio Direttivo deve redigere il bilancio. Il bilancio deve essere approvato dall’Assemblea ordinaria ogni anno entro il mese di luglio. Esso deve essere depositato presso la sede dell’Associazione entro i 15 giorni precedenti la seduta per poter essere consultato da ogni associato.


Art.9 Gli organi dell’Associazione sono:
* l’Assemblea dei Soci;
* il Consiglio Direttivo;
* il Presidente;
* il Collegio dei Probiviri.


Art.10 L’Assemblea dei Soci è il momento fondamentale di confronto, atto ad assicurare una corretta gestione dell’Associazione ed è composta da tutti i soci, ognuno dei quali ha diritto a un voto, qualunque sia il valore della quota. Essa è convocata almeno una volta all’anno in via ordinaria, e in via straordinaria quando sia necessaria o sia richiesta dal Consiglio Direttivo o da almeno un decimo degli associati. In prima convocazione l’assemblea ordinaria Ë valida se è presente la maggioranza dei soci e delibera validamente con la maggioranza dei presenti; in seconda convocazione la validità prescinde dal numero dei presenti. L’assemblea straordinaria delibera sia in prima che in seconda convocazione con la presenza e col voto favorevole dei due terzi dei soci. La convocazione va fatta con avviso pubblico da comunicarsi via telematica o via fax ed in ogni caso deve esserne garantita la migliore e più idonea pubblicità. Delle delibere assembleari deve essere data pubblicità mediante pubblicazione sul sito web dell’Associazione.


Art.11 L’assemblea ordinaria ha i seguenti compiti:
* elegge il Consiglio Direttivo, che al suo interno nomina il Presidente;
* elegge il Collegio dei Probiviri;
* approva il bilancio preventivo e consuntivo;
* approva il regolamento interno.
L’assemblea straordinaria delibera sulle modifiche delle Statuto e l’eventuale scioglimento dell’Associazione. All’apertura di ogni seduta l’Assemblea elegge un Presidente e un segretario, che dovranno sottoscrivere il verbale finale.


Art.12 Il Consiglio Direttivo è composto da un minimo di 3 (tre) ad un massimo di 13 (tredici) membri, eletti dall’Assemblea fra i propri componenti. Il Consiglio Direttivo è validamente costituito quando sono presenti almeno i due terzi dei membri. I membri del Consiglio Direttivo svolgono la loro attività gratuitamente e durano in carica per due anni (stagioni sportive). Il Consiglio Direttivo può essere revocato dall’Assemblea con la maggioranza di 2/3 dei soci.


Art.13 Il Consiglio Direttivo è l’organo esecutivo dell’Associazione. Si riunisce in media 2 volte all’anno ed è convocato da:
* il Presidente;
* da almeno 2 dei componenti, su richiesta motivata;
* richiesta motivata e scritta di almeno il 30% dei Soci.
Il Consiglio Direttivo ha tutti i poteri di ordinaria e straordinaria amministrazione. Nella gestione ordinaria i suoi compiti sono:
* predisporre gli atti da sottoporre all’Assemblea;
* formalizzare le proposte per la gestione dell’Associazione;
* elaborare il bilancio consuntivo che deve contenere le singole voci di spese e di entrata relative al periodo di un anno;
* stabilire gli importi minimi delle quote annuali delle varie categorie di soci.
Di ogni riunione deve essere redatto verbale da pubblicare sul sito web dell’associazione.


Art.14 Il Presidente dura in carica per lo stesso periodo di vigenza del Consiglio Direttivo ed è il legale rappresentante dell’Associazione a tutti gli effetti. Egli convoca e presiede il Consiglio Direttivo, verifica e sottoscrive tutti gli atti amministrativi compiuti dall’Associazione; può aprire e chiudere conti correnti bancari e postali e procedere agli incassi. Conferisce ai soci procura speciale per la gestione di attività varie, previa approvazione del Consiglio Direttivo.


Art.15 Il Collegio dei Probiviri è composto da tre soci eletti in assemblea. Dura in carica tre anni. Decide insindacabilmente, entro trenta giorni dalla presentazione del ricorso, sulle decisioni di espulsione sui dinieghi di ammissione.


Art.16 Lo scioglimento dell’Associazione è deliberato dall’Assemblea straordinaria. Il patrimonio residuo dell’ente deve essere devoluto ad associazione con finalità analoghe o per fini di pubblica utilità, sentito l’organismo di controllo di cui all’art.3, comma 190 della legge 23.12.96, n.662.


Art.17 Tutte le cariche elettive sono gratuite. Ai soci compete solo il rimborso delle spese varie regolarmente documentate.


Art.18 Per quanto non previsto dal presente statuto valgono le norme di legge vigenti in materia.

Campagna adesioni 2013-2014

080

 

Quote definitive 2012-2013

058

 

Quote definitive 2011-2012

143

 

Quote definitive 2010-2011

168

 

Sutor Special Club - P.Iva 93061500430 - Via Ascoli 6 - 62010 Montecosaro (MC)
IBAN IT08 T061 5069 550C C008 0053 367 - Cookie Policy

 

HTML 4.01 Strict Valid CSS
Pagina caricata in : 0.047 secondi
Powered by Simplit CMS